La conservazione delle derrate alimentari prevede lo stoccaggio dei prodotti a temperatura controllata e la gestione del calo peso dovuto al rilascio di vapore acqueo nel tempo. Gli ambienti deputati a questo sono di solito dotati di impianti per il controllo della temperatura, ma spesso hanno un controllo dell’umidità insufficiente. Strategico diventa quindi un sistema di deumidificazione adeguato a completamento dell’impianto stesso. Le temperature richieste sono generalmente piuttosto basse e oscillano tra i 16 °C ed i –5 °C. I deumidificatori impiegati in tali applicazioni richiedono dimensionamenti specifici per riuscire a cedere all’ambiente un carico termico limitato in modo che venga smaltito dal sistema di raffreddamento già presente. Il dimensionamento di tali apparecchiature risulta articolato e complesso e va progettato in funzione del tipo di prodotto, della quantità d’aria da trattare, della rotazione giornaliera del prodotto stesso e alle tempistiche legate al riduzione di peso.